Concierge Blog

Biciclettata tra gli asparagi

Anche quest'anno, i ristoasparagi vi invitano a uno straordinario tour di piacere sulla bici.

Il lunedì di Pentecoste, 21 maggio 2018, i ciclisti potranno godere di un servizio speciale sulla pista ciclabile da Settequerce, via Terlano, a Vilpiano e ritorno: i sette ristoratori del "Circuito degli Asparagi" cucineranno piatti di asparagi con il succulento prosciutto delle macellerie di Terlano Nigg e Mair in tre differenti stand, accompagnando il tutto dal prelibato vino degli asparagi della Cantina di Terlano. Un must per gli intenditori più attivi!
Inoltre, si potranno conoscere più da vicino tutti i segreti di questa "verdura reale".
Con questo evento vogliamo avvicinare gli ospiti e i locali agli asparagi.
L'evento si svolge per la sesta volta e ci fa piacere ricordare come sia sempre stato molto ben accolto.
Gli "stand" degli asparagi saranno aperti il 21 maggio, dalle ore 10 alle 16.
Vi aspettiamo numerosi!

Geschrieben von concierge um 16:05
Standup paddleboarding

picts © P. Pinelli

Geschrieben von concierge um 12:21
Emilio 100, Raffaella 103, Nino 97

300 anni di storia allo Sparerhof.

Il sindaco di Terlano è intervenuto allo Sparerhof per fare gli auguri ai 3 centenari che hanno festeggiato 97, 100 e 103 anni pranzando nel nostro ristorante!

Hanno gustato il seguente menù:

Asparagi marinati con vitello rosolato e pane Vingschgerle
***
Risotto d'asparagi Margarete bianchi
***
Guancia di manzo in salsa di vino rosso
Purea di sedano rapa
Verdurine al burro
***
Fragole con gelato alla vaniglia Bourbon

Altri 100 di questi anni a Raffaella, Emilio e Nino

Auguri dal Sindaco, dal Comune di Terlano e naturalmente da tutto il team dello Sparerhof!!!

Geschrieben von concierge um 14:14
Posti speciali che dovresti proprio conoscere….

Collepietra e San Valentino in Campo, i villaggi delle stelle!

Signori e Signori il Planetario.

Escursione sul Sentiero dei pianeti, fino all’osservatorio di Obergummer.

Il Gasthof Untergger ci ospitati per il pranzo e poi visita all’osservatorio solare Peter Anich.

Un’esperienza stellare!

Stay tuned***

Geschrieben von concierge um 21:00
NOI Techpark
Geschrieben von concierge um 21:56
Squadra belga bici

Abbiamo il grande piacere di ospitare la squadra nazionale belga di ciclismo nella nostra struttura.
Visto che hanno portato con loro il bel tempo, noi tutti tiferemo per loro per la gara di domani e, in particolare,
un grande “in bocca al lupo” a:

Clement HORNY
Lukas MALEZSEWSKI
per la squadra maschile Juniores

Emeline DETILLEUX
per la squadra femminile Under 23

Wout ALLEMAN
per la squadra maschile Under 23

Githa MICHIELS
per la squadra femminile Elite

Il nostro Chef Philip, con l’assistenza di Giuseppe, prepareranno con cura una dieta particolare
per i ciclisti; in caso di successo, ci sentiremo un po’ vincitori anche noi!

Stay tuned***

Geschrieben von concierge um 12:58
La Nonna è la migliore!

Philipp Conzada ha 26 anni, è un cuoco giovane ed entusiasta. La passione per il piacere culinario gli è stata tramandata dalla sua "nonna". Con lei, ha scoperto il suo sogno per una buona cucina con i piedi per terra.

"Per me è importante elaborare prodotti regionali. L'Alto Adige offre tutto. Mi piace usare carni e asparagi locali. Il mio Chef condivide questo atteggiamento. Mi dà la libertà di vivere la mia creatività in cucina ", dice lo chef sbarazzino.

D'ora in poi, il gourmet altoatesino interpreta in chiave moderna la cucina tradizionale presso l'Hotel Restaurant Sparerhof a Vilpiano. Philipp è responsabile per il menu, l'acquisto e non ultimo per la presentazione unica dei suoi piatti. Si affida a prodotti regionali e stagionali e utilizza metodi di cottura delicati per preservare la freschezza, la qualità e il gusto sensazionale di eccellenti materie prime.

Nei mesi di aprile e maggio, nella cucina del giovane aspirante chef, tutto si concentra sugli asparagi Margarete di Terlano: un prodotto locale di alta qualità in coppia con l'amore per la cucina di Philipp.
Proprio come la sua "Nonna” gli ha insegnato.

Geschrieben von concierge um 13:10
La volpe e…. gli asparagi

Una nuova fiaba ambientata a Terlano: dopo la degustazione del nuovo Terlaner 2017 appena uscito dalla cantina abbiamo avvistato una volpe che si aggirava nei campi d’asparagi del Comune di Terlano.

La nuova versione Alto Atesina della famosa favola di Esopo “la volpe e l’uva”?

Tuttora incerto il numero di bicchieri del favoloso Terlaner assunto dai testimoni prima dell’avvistamento della volpe,

anche perché, con ogni probabilità, si trattava di un lupo….

Al prossimo avvistamento!

Stay tuned...

Spargelfeld, Archiv Huber Helmuth
Geschrieben von concierge um 14:56
Pianificazione di un evento
planning the plates spice chopped spoon Tartar Steak Tartar Armada Guacamole Egg'n graukäse Soup Risotto lardo Cheeks of beef Chocolate crashed strudel
Geschrieben von concierge um 22:44
Tenuta Bergmannhof

Il Bergmannhof ha una storia di vasta portata per quanto riguarda la coltivazione delle uve. La prima documentazione risale al 1850.
Già a quel tempo venivano coltivate le uve, consegnate poi in un monastero di Innsbruck e lì depositate.
Dal 1978, la famiglia Pichler produce i propri vini.

Tuttavia, i vitigni allora predominanti hanno lasciato il posto a quelli oggi più popolari, come lo Chardonnay e il Merlot, rimanendo comunque fedeli ai più tradizionali Vernatsch e Lagrein.
Oltre ai vini base, il Bergmannhof produce anche alcune riserve. Il Lagrein, il Merlot e lo Chardonnay vengono affinati fino a 2 anni in botti di legno; si prevede che anche il Merlot arriverà nei prossimi anni sul mercato.

Nella cantina Bergmannhof tutto ruota attorno all'esperienza condivisa di tre generazioni. Figlio, padre e nonno lavorano tutti in cantina e aggiungono la loro esperienza e passione ai vini, anno dopo anno. La famiglia ha il grande desiderio di produrre vini senza pesticidi chimici.
Tuttavia, a causa delle cattive condizioni meteorologiche, possono verificarsi guasti ai raccolti e si è deciso di utilizzare prodotti per la difesa delle piante, quando indispensabile, nelle annate più difficili.
Per questo motivo, i vini Bergmannhof non hanno certificazione biologica, ma il nome della cantina, e la filosofia della famiglia, sono garanzia di assoluto rispetto.

Geschrieben von concierge um 16:25
Orchidea

Alla Galleria Willy fervono i preparativi per l’allestimento della prossima mostra che, come al solito, accompagnerà l’annuale manifestazione “Tempo degli Asparagi”.
Quest’anno, protagonista assoluta della mostra sarà l’Orchidea, così come immaginata dall’artista GIORGIOPPI.
Cosa c’è di più regale del candore di un’orchidea bianca e della sua luce, che tutto riflette?
Nelle foto, Willy Sparer alla ricerca delle opere che saranno esposte per il nostro e il vostro piacere alla Galleria Willy nei prossimi mesi di aprile e maggio 2018….

Stay tuned!!!

Geschrieben von concierge um 20:08
Magdalena Schuster, Azienda Agricola Befehlhof

La cantina Befehlhof è situata a 710 metri sul livello del mare a Vezzano.

Vezzano è uno dei vigneti più a nord dell'Alto Adige. Nei terreni di ardesia nei pressi di Vezzano, sono impiantati i vitigni di Müller Thurgau, Riesling, Pinot Bianco, Fraueler, Zweigelt e Pinot Nero.

Fraueler è un vitigno molto particolare: quest'uva autoctona relativamente sconosciuta è anche conosciuta con il nome di Vezzaner, e con meno di 1 ettaro di superficie coltivata il vitigno è quasi completamente scomparso dai terreni dell'Alto Adige.

Dal 1980, il vino viene prodotto in questi terreni asciutti. Oswald Schuster è stato uno dei primi a coltivare il vino in Val Venosta, dopo aver provato varie specie , come il Kerner, il Silvaner e il Riesling. Alcuni di questi, come il Riesling, hanno trovato un terreno ideale e costituiscono la base per la vinicoltura nella Val Venosta.

Da allora Oswald Schuster si è ritirato dalla viticoltura e ha lasciato a sua figlia il lavoro dentro e intorno alla vigna.

Magdalena Schuster lavora tutto l'anno al Befehlhof. Dopo lunghi anni di studio e di esperienza lavorativa, in Nuova Zelanda, tra gli altri luoghi, Magdalena si concentra ora sulla viticoltura in Val Venosta e ama prendersela con calma. Dopo anni di lavoro nel settore del vino internazionale, vuole concentrare il suo tempo non solo sul vino, ma anche su altri progetti.

Con la sua piccola produzione, la cantina Befehlhof è considerata una piccola azienda con altri standard altoatesini.

La bellezza di questi vigneti è rappresentata attraverso vini unici. Riesling e Fraueler con il bel nome di Jera sono la prova che Schiava e Pinot grigio non sono tutto in Alto Adige.

Un consiglio segreto per ogni bevitore di vino.

Stay tuned!!!

steep steeper cut needed wine n pottery tasting cellar memory Varieties
Geschrieben von concierge um 20:23
Specialitá giapponese: Pasta di Soba

Il nostro Congierge in attesa di incontrare un tour operator per il proseguimento del viaggio in Giappone, si concede qualche ora di svago nelle campagne nei dintorni di Chino (Prefettura di Nagano) e incontra un contadino locale, coltivatore di grano saraceno.

Tornerà in Alto Adige proponendo Soba noodles?

Per scoprirlo,

stay tuned!!!!

picts © H. Kita

Geschrieben von concierge um 07:40
Il modo più elegante per chiudere in bellezza il periodo delle Feste….

Un nostro cliente ha consumato ottime ostriche accompagnate da una buona bottiglia di Réserve della Contessa, Manicor.
Un bianco raffinato ed elegante, creato proprio per accompagnare i momenti di festa.

Poi, l’unica cosa che rimane è una palata di neve e le conchiglie delle ostriche….

Stay tuned!

foto © L. Pichler

Schaufel Perlmut
Geschrieben von concierge um 19:31
Capodanno allo Sparerhof

(un’ottima fine e un miglior inizio d’anno)

Gli ultimi giorni dell’anno si alloggia allo Sparerhof!
Per la notte di San Silvestro i nostri clienti hanno scelto di festeggiare nelle baite della vicina Merano 2000 o in val Sarentino, a San Martino, trascorrendo la serata aspettando la mezzanotte tra la neve, che quest’anno ha voluto degnamente incorniciare l’ultima notte dell’anno cadendo copiosamente.

Quale cosa migliore poi, per digerire gli abbondanti(stimi) pasti delle festività, di una salutare passeggiata a Capodanno?
Il miglior modo per incominciare in salute l’anno 2018!

Un brindisi a tutti, per tutto l’anno…..

Stay tuned***

pict:
© M. Meier-Fust

Palmsprings?
Geschrieben von concierge um 15:09
In memoriam Sebastian Stocker:

un visionario per il vino altoatesino, uno spirito della ricerca innovativo con molte visioni, ma anche un professionista, il quale ha sempre avuto la giusta sensibilità, buoni consigli e delle storie emozionanti da raccontare.
Grazie Wastl per il metodo Stocker, il Weißterlaner e la conoscenza sulla longevità dei vini bianchi dal Alto Adige.

testo e foto: Judith Unterholzner

Geschrieben von concierge um 10:08
Autunno inoltrato sulle cime delle nostre montagne

Una montagna che finisce a punta e comprende due cime: Monte Luco (2434 metri s.l.m.) e Piccolo Luco (2297 metri s.l.m.).
Tra di esse una conca ospita il lago Monte Luco (2182 metri s.l.m.) con il Monte Luco ad ovest ed il Piccolo Luco a nord-est.

Più tardi, mentre le cime sono ancora innevate, alla vecchia chiesa parrocchiale di Vilpiano la primavera proromperà con forza.
La vecchia chiesa di San Giuseppe fu costruita nel 1639; quando questa divenne troppo piccola, fu costruita al suo fianco la chiesa parrocchiale di S. Giuseppe dei Lavoratori.

Per il momento, la primavera non è ancora pronta a combattere per imporsi, perché adesso è il tempo della neve, anche in pianura.

In attesa delle tradizionali visite ai Mercatini di Merano, Bolzano oppure Bressanone, è il luogo ideale per assaporare “vin brulée” e le altre specialità tipiche.

Stay tuned!

Foto:
© H. J. Althuber

chapel stone blossom
Geschrieben von concierge um 15:21
Merano WineFestival: 26esima Edizione e TerlanoSensEvent 4a Edizione

Oggi, il nostro cameriere delle bevande è al Merano WineFestival per incontrare i produttori già presenti sulla ns. carta e per scoprirne tanti altri.

Il Merano WineFestival nasce nel 1992 ed è diventato il più importante evento in Europa, puntando sulla massima qualità dei prodotti presentati in un ambiente raffinato ed esclusivo. E’ stato il primo ad assumere la denominazione di WineFestival e, da sempre, non è solo un evento ma un momento assolutamente proficuo per tutti i partecipanti grazie al sempre vivace scambio di opinioni tra tutti i professionisti del settore e con grande riscontro da parte dei consumatori che posso godere di una full immertion nell’eccellenza gastronomica.

Il Merano WineFestival ha raggiunto una visibilità a livello mondiale, un vero e proprio marchio di qualità: le aziende selezionate dal Merano WineFestival fanno parte di diritto del gotha dell’alta qualità.

A celebrare la 26esima edizione, saranno cinque dense giornate piene di emozioni, contenuti, e tante nuove idee: moltissime le case vitivinicole (oltre 450), tra le migliori sia in Italia che nel mondo; non solo, saranno presenti moltissimi “artigiani del gusto” e diversi chef di grande rango.

Da segnalare la Cooking Farm che, nella nuovissima Chef Arena, vedrà il confronto di noti chef e maestri di cucina, ma anche contadine altoatesine, su ingredienti, lavorazione e realizzazione di piatti della tradizione.

All’interno delle Masterclasses, invece, avranno luogo degustazioni guidate di eccellenze enologiche anche allo scopo di creare cultura e sapere, in simbiosi anche con il fine benefico di questa edizione del WineFestival.

Nella giornata di apertura uno spazio particolare è dedicato ai vini biologici e naturali, in tutte le declinazioni (biodinamici, orange, PIWI ecc.), settori sempre più in crescita e che di diritto meritano un grande risalto.

La conclusione della Festa sarà affidata alla “Catwalk Champagne”, una sfilata di oltre 250 champagne di 80 aziende francesi tra le più famose che sanciranno, con un tripudio di emozioni, la fine della 26esima edizione: tutto questo è il Merano WineFestival: ogni incontro è unico, esclusivo ed emozionante!

Enjoy!

E non dimenticate: stasera ospiti di tutto il mondo del vino saranno alla cantina di Terlano

Saranno presenti i notissimi chef Christian Pichler e Giancarlo Perbellini

Ci aspetta un grande weekend di festa,

stay tuned!!

© Stol © Stol © Stol © Stol © Stol © Stol © Stol © Stol © Stol © Stol
Geschrieben von concierge um 19:51
Sul Sentiero dei Masi di Aica

Approfittando di una bella giornata di sole autunnale abbiamo accompagnato alcuni clienti per un’escursione lungo il Sentiero dei Masi di Aica.
Nei dintorni della località di Aica di Fiè parte il famoso Sentiero che in tedesco è chiamato “Oachner Höfeweg” (nome che deriva da “Oacha” termine dialettale per Aica di Fiè, una frazione del comune di Fiè allo Sciliar), per una traduzione che letteralmente possiamo declinare in “Sentiero dei Masi di Aica”. Nei mesi primaverili e in autunno il Sentiero si accompagna dei colori più vividi che si possono immaginare, rendendo l’esperienza indimenticabile.

Il nostro cammino è iniziato a Castel Presule, dove una leggera discesa attraverso boschi e prati ci fa scoprire l’intimità di dei borghi Novale di Presule e Aica di Sotto. Seguendo le indicazioni per Aica di Fiè il Sentiero snoda a tratti sulla strada per salire sopra la Val di Tires da dove godere un paesaggio meraviglioso, caratterizzato da boschi di latifoglie e castagni che a tratti lasciano spazio a prati verdissimi e vigneti.

Dopo tanta natura, cogliamo l’occasione per visitare il paese di Aica di Fiè e in particolare la chiesa San Giovanni i suoi affreschi. Dopo la breve sosta, proseguiamo ancora lungo il Sentiero dei Masi sino al borgo di Santa Caterina dove, terminato il tour, ne visitiamo la caratteristica chiesetta.

E’ ora del ritorno: scegliamo di rifare il medesimo sentiero sino ad un incrocio, poi imbocchiamo un altro sentiero che, attraverso i prati, conduce al passo Schnaggenkreuz (1.015 metri s.l.m.); il sentiero n. 5 porta direttamente per questo valico a Castel Presule, con le sue stupende viste sulle località di Fiè di Sopra e di Sotto, Peterbühl e Umes.

La giornata meravigliosa ci ha regalato una giornata indimenticabile, ma prima di partire vi consigliamo di informarvi sulle condizioni meteo, magari contattando direttamente referenti in loco.

La gita è assolutamente a misura di famiglia ma alcuni tratti che abbiamo attraversato non sono adatti a essere percorsi con passeggini (non mancano comunque le alternative per superare questi stretti lungo altre strade per poi ricongiungersi più avanti nel Sentiero).

Punto di partenza: Presule nei pressi di Fiè allo Sciliar (parcheggio di Castel Presule)
Sentiero: Sentiero dei Masi di Aica (Oachner Höfeweg) in direzione Santa Caterina
Segnavia: 3, “Sentiero dei Masi”, 7, 6A, 5
Lunghezza del percorso: ca. 12 km
Tempo di percorrenza: 3,5 - 4,5 ore
Dislivello: ca. 450 m

Happy walking!
Stay tuned!!!!!!!

Fall Hut Stable Sky Dolomites Wine barrel witch Rest Tyrolean cold cuts world natural heritage sun set
Geschrieben von concierge um 21:38
Apertura delle settimane delle castagne della Valle Isarco

Inaugurazione delle “Settimane delle castagne della Valle Isarco”
Settimane gastronomiche dal 14 ottobre fino al 5 novembre
16 ristoranti partecipanti

Chiusa – La sedicesima edizione delle “Settimane delle castagne della Valle Isarco” è stata inaugurata oggi in Piazza Parrocchiale a Chiusa. Iniziano il 14 ottobre e terminano il 5 novembre. In questo periodo sedici ristoranti tra Varna e Barbiano vizieranno i propri ospiti con un’ampia gamma di prelibatezze a base di castagne.
Per la sedicesima volta l’Unione Albergatori e Pubblici Esercenti (HGV) della Valle Isarco organizza l’iniziativa dedicata a questo frutto autunnale. “Ogni anno i ristoratori della zona mettono in luce la versatilità di questo prezioso frutto e numerosi buongustai, provenienti da località più o meno remote, non perdono l’occasione di assaggiare le numerose varianti culinarie a base di castagne”, dichiara soddisfatto Helmut Tauber, presidente circondariale dell’HGV nonché del comitato organizzativo.
Anche Maria Gasser Fink, sindaca di Chiusa, è lieta di partecipare alle “Settimane delle castagne della Valle Isarco”: “Voglio ringraziare i ristoratori aderenti alle settimane gastronomiche e l’Unione Albergatori e Pubblici Esercenti (HGV) della Valle Isarco, per porre nuovamente la castagna come frutto pregiato al centro delle settimane gastronomiche”.

Inaugurazione delle “Settimane delle castagne della Valle Isarco”
La festa d’inaugurazione delle “Settimane delle castagne della Valle Isarco” si è svolta oggi sulla Piazza Parrocchiale a Chiusa. I ristoratori aderenti alle settimane gastronomiche hanno proposto dei deliziosi assaggini a base di castagne. I visitatori hanno avuto anche il piacere di degustare la torta di castagne originale della Valle Isarco, che viene creata appositamente per la manifestazione dal panificio/pasticceria “Gasser” di Luson.

Ricco programma di iniziative
Oltre ai piaceri culinari tutti gli appassionati di natura e cultura avranno modo di apprezzare l’ampio programma di iniziative. Durante le settimane gastronomiche le organizzazioni turistiche locali propongono escursioni guidate, concerti, mercatini, feste autunnali e molte altre iniziative interessanti per le quali vale ulteriormente la pena di fare una gita in Valle Isarco.
La castagna è inoltre protagonista del “sentiero delle castagne”, un percorso idilliaco che da Novacella porta a Bolzano passando per Bressanone, Velturno, Chiusa, Villandro, Barbiano e il Renon.
Nell’ambito delle giornate delle castagne “Keschtnigl” a Velturno sono inoltre previste diverse iniziative interessanti che avranno come oggetto il prezioso frutto autunnale.

Per informazioni dettagliate sulle “Settimane delle castagne della Valle Isarco” gli interessati possono consultare il sito settimane delle castagne

Esercizi aderenti alle “Settimane delle castagne della Valle Isarco”:
Hotel Ristorante “Pacher”, Novacella, tel. 0472 836 570
Ristorante “Der Traubenwirt”, Bressanone, tel. 0472 836 552
Albergo “Haller”, Bressanone, tel. 0472 834 601
Albergo “Sunnegg”, Bressanone, tel. 0472 834 760
Ristorante “Oste scuro”, Bressanone, tel. 0472 835 343
Locanda sudtirolese “Fink”, Bressanone, tel. 0472 834 883
Hotel Ristorante “Alpenrose”, Pinzago/Bressanone, tel. 0472 832 191
Maso e Ristorante “Kircherhof”, Albes/Bressanone, tel. 0472 851 005
Panorama-Wellness-Hotel “Feldthurnerhof”, Velturno, tel. 0472 855 333
Hotel Ristorante „Taubers Unterwirt“, Velturno, tel. 0472 855 225
Albergo “Oberwirt”, Velturno, tel. 0472 855 212
Albergo “Wöhrmaurer”, Velturno, tel. 0472 855 301
Albergo „Walther von der Vogelweide“, Chiusa, tel. 0472 847 369
Albergo “Fonteklaus”, Laion/Chiusa, tel. 0471 655 654
Ristorante „Ansitz zum Steinbock“, Villandro, tel. 0472 843 111
Albergo “Rösslwirt”, Barbiano, tel. 0471 654 188

Die anwesenden Wirtinnen und Wirte bei der Vorstellung der diesjährigen Ausgabe der „Eisacktaler Kastanienwochen“
Geschrieben von concierge um 13:04
Nächste Seite
 
DE EN IT
background image